Comune di Zeccone - sito istituzionale

Il nostro Territorio

Zeccone è un piccolo paese situato a circa 8 km. a nord di Pavia lungo il tracciato storico della strada denominata "Vigentina" (oggi S.P. 205), vale a dire uno degli assi viari di collegamento tra Pavia e Milano: infatti, le estremità di quest'ultima coincidono con Porta Stoppa di Pavia e, per l'appunto, con Porta Vigentina (che dà il nome all'omonimo corso, a sua volta mutuato dalla località Vigentino, posta a sud di Milano e inglobata nei confini amministrativi della metropoli nel secolo scorso) situata nel capoluogo lombardo. Il tessuto urbanistico del territorio di Zeccone, per quanto concerne gli insediamenti umani, palesa la presenza di due centri abitati, il capoluogo medesimo e la piccola frazione di Villareggio, oltre ad alcune cascine e fabbricati sparsi. Proprio i due suddetti centri, sono le entità di maggiore rilievo storico in ambito comunale. Anche all'epoca moderna, il paesaggio di Zeccone è contraddistinto dalla larghissima prevalenza di aree inedificate, nelle quali viene praticata la coltivazione del riso e del mais, e anche la piantumazione di pioppeti.
Si tratta di una tipologia di ambiente agreste assai ricorrente nella zona, accoppiata ad un ingegnoso sistema d'irrigazione risalente a molti secoli or sono, che ha trasformato un territorio malsano e paludoso in una delle regioni più fertili del mondo intero, e la cui presenza è percepibile sia dagli elementi naturali (la vegetazione arborea, la flora presente sulle rive delle numerose rogge, la fauna avicola e ittica) che da quelli artificiali (i ponticelli in muratura, le chiuse). Si può affermare che gli interventi finora compiuti dall’uomo non solo non hanno deturpato la natura dei luoghi, ma l’hanno addirittura impreziosita, costituendo, forse involontariamente ma comunque con mirabili risultati, uno splendido esempio di inserimento ambientale ante litteram, e fornendo un decisivo miglioramento delle condizioni di vita delle persone. Ci riferiamo non solo alle succitate opere idrauliche realizzate per irrigare i campi coltivati, ma anche ai tratturi, spesso fiancheggiati da rogge, utilizzati sì ai fini agricoli, ma pur sempre godibili come incomparabili percorsi ciclo-pedonali immersi nel verde naturale, ed in special modo, alle cascine ed a tutto quanto concerne la nostra edilizia rurale tradizionale, che riesce a fondersi nel paesaggio locale dando vita ad un impareggiabile connubio tra natura ed interventi dell'uomo. Infine, appaiono degni di menzione anche quegli edifici di carattere monumentale o, comunque dall'antica origine che sono pervenuti sino ai giorni nostri, elevandosi quasi a simboli del territorio comunale di Zeccone. Ci si riferisce in particolare al cimitero monumentale di Villareggio, singolare complesso neoclassico emergente dalla campagna tra Zeccone e Certosa di Pavia, da poco restaurato; alla cascina Villareggio, con la sua corte e l'antica casa padronale che è in buona sostanza un palazzotto signorile del '500; per finire, naturalmente, con le due chiese parrocchiali, entrambe di notevole pregio architettonico.